Ricerca
I TEST DI LABORATORIO

I test di laboratorio per i materassi italiani di qualità in accordo con la normativa vigente: come si svolgono e cosa prendono in esame.

Per misurare oggettivamente la qualità, il materasso italiano di qualità è sottoposto a prove che simulano le condizioni d’uso che si verificano durante il sonno.
Le prove, eseguite in laboratori accreditati, sono due di due tipi: dimensionale e di durabilità.

La prova dimensionale

La prova dimensionale fa riferimento alla norma UNI EN 1334:1998 che definisce i metodi di misurazione e le tolleranze. Secondo un preciso protocollo viene rilevata la larghezza, la lunghezza e l’altezza del materasso italiano di qualità e il valore che si ottiene è la media tra i diversi punti di misurazione. In concreto la prova fornisce le precise dimensioni che il produttore riporterà nell’informazione al consumatore per consentire a quest’ultimo il corretto abbinamento del materasso con la rete di appoggio, il letto e la biancheria (coprimaterasso, lenzuola, coperte, copriletto e trapunta imbottita).

La prova di durabilità

La prova di durabilità si riferisce alla norma UNI EN 1957:2001. Viene eseguita con un’attrezzatura in grado di simulare l’applicazione ripetuta dei carichi e dei movimenti. Durante il sonno ogni qualvolta che il corpo cambia posizione, il materasso riceve una sollecitazione. Il test dunque ha lo scopo di valutare le variazioni delle proprietà del materasso in seguito all’uso reale simulato da un rullo la cui massa complessiva pesa 140 Kilogrammi.

Come si effettua il test?

Prima di effettuare il test il materasso viene riposto in una cella di condizionamento a temperatura e umidità dell’aria costanti. 
Il calore e il sudore rilasciato dal corpo durante il riposo notturno danneggiano gli strati interni del materasso. Anche le condizioni presenti nell’ambiente domestico influiscono nel deterioramento dei componenti: il caldo umido delle giornate afose, l’umidità nelle giornate di pioggia e il calore rilasciato dagli impianti di riscaldamento quando fa freddo giocano un ruolo determinante. Dopo 21 giorni di cella il materasso è pronto per la prova del rullo. 

Prima dell’inizio e al termine della prova si misurano la curva di carico deformazione, il valore della durezza del materasso (intesa come resistenza allo schiacciamento provocato da un piattello di forma e dimensioni adatte) e la sua altezza. La norma prevede il passaggio del rullo per un numero standard di 30.000 cicli sulla superficie del materasso in corrispondenza della zona centrale, quella che sostiene il busto, il bacino e le gambe. Rispetto a quanto previsto dalla norma europea il Consorzio ha definito nel suo regolamento, a maggior tutela del consumatore, di far procedere la prova di durabilità fino a 45.000 cicli: il 50% in più di quanto previsto dal CEN ( Comitato europeo di normazione).

La norma prevede anche la prova di resistenza del bordo per verificare che quest’ultimo sopporti le sollecitazioni a cui è sottoposto ogni qualvolta la persona si siede e si alza dal letto. Al termine del test si controlla che non ci siano difetti visivi evidenti, come presenza di strappi e/o apertura delle cuciture, rottura e/o sporgenza di molle, fori o strappi del tessuto o nei materiali interni.
La conformità del campione sottoposto ad esame è rilasciata dal laboratorio previa verifica delle variazioni con i requisiti richiesti dalla norma UNI 10707:2003 che stabilisce i limiti entro i quali devono rientrare i parametri presi in esame. Quest’ultimi si riferiscono alla perdita di altezza e alla durezza del materasso. Un coefficiente che media tra i dati oggettivi di laboratorio (durezza) e quelli soggettivi relativi al benessere percepito, misura il comfort del materasso.

In buona sostanza l’utilizzo prolungato negli anni fa perdere al materasso le caratteristiche funzionali di sostegno, di elasticità e resilienza. I requisiti prestazionali e di comfort si indeboliscono e con il tempo anche gli aspetti igienici ne sono compromessi  dall’uso. 
Vuoi avere informazioni sui prodotti certificati dal Consorzio? Vuoi sapere dove trovare i materassi con il marchio di qualità?
SCRIVICI ORA!

Vuoi ricevere tutte le news del Consorzio?

ISCRIVITI ORA