Rivenditori Rivenditori

Allergie da micofiti e da inalazione di origine animale

dettaglio notizia

La frequenza con cui le spore fungine provocano una sensibilizzazione allergica varia notevolmente a seconda delle diverse aree geografiche.

La frequenza con cui le spore fungine provocano una sensibilizzazione allergica varia notevolmente a seconda delle diverse aree geografiche.

Infatti, anche se i micofiti ( muffe ) si ritrovano ubiquitariamente presenti in natura, le condizioni ottimali per la loro crescita sono rappresentate da una temperatura di 18°-32° C e da una umidita’ relativa superiore al 65%.

 

Si distinguono:

a) Miceti atmosferici, presenti sul terreno, in particolare in zone agricole, ove svolgono un ruolo importante nei processi di decomposizione di vegetali (piante, foglie, frutti, ecc.) e di altri materiali organici.

Tra questi micofiti, che hanno una predominanza estivo-autunnale (giugno-ottobre), hanno maggiore rilevanza l’Alternaria (di cui sono note diverse specie) ed il Cladosporium, mentre minore importanza rivestono altri generi.

 

b) Miceti domestici, presenti tutto l’anno, soprattutto in ambienti umidi e poco ventilati. Sorgenti di attecchimento e di proliferazione fungina possono anche essere gli alimenti (conservati in maniera inadeguata), le carte da parati, i sistemi inquinati di condizionamento e di umidificazione dell’aria. I generi che rivestono maggiore importanza allergologica sono rappresentati da Aspergillus.

Tra gli allergeni di origine animale, maggiore importanza rivestono i derivati epidermici animali (forfore e peli di gatto, cane, coniglio, cavallo, ecc.); in particolare per gli animali domestici, esistono differenze antigeniche in rapporto alla razza.

Dal punto di vista clinico, sono notevolmente frequenti i casi di allergopatie respiratorie da ipersensibilita’ ad allergeni del gatto. Il principale allergene del gatto e’ stato identificato in un allergene salivare, che presenta una parziale cross-reattivita’ con antigeni tratti dalla forfora del gatto e di altri felini superiori. Concentrazioni estremamente elevate di antigene del gatto si possono ritrovare in ambienti in cui vi sia la presenza di uno o piu’ di tali animali domestici; cio’ spiega l’insorgenza di manifestazioni cliniche improvvise e gravi in pazienti specificamente sensibili, quando entrino in uno di questi ambienti.

 

Sono da considerare anche il ruolo delle fibre tessili di origine animale (lana, seta); ad esempio, della seta si conoscono 3 allergeni diversi, presenti rispettivamente nel baco da seta, nelle fibre e nella sericina.
Le proteine delle deiezioni degli uccelli, essiccate nel fondo delle gabbie e successivamente inalate, sono responsabili di pneumopatie da ipersensibilita’ particolarmente riscontrate in allevatori di uccelli (pappagalli, piccioni, ecc.).

Potrebbe interessarti anche...
newsletter Vuoi ricevere tutte le news sui materassi del Consorzio?
Dichiaro di aver letto l'informativa qui allegata e di accettare il trattamento dei miei dati personali per le sole finalità indicate.

Contattaci per Informazioni