Cerca rivenditore Rivenditori

Il materasso in schiuma

dettaglio notizia

Caratteristiche e differenze tra schiuma di lattice e schiuma di poliuretano

I materassi in schiuma, o che utilizzano anche la schiuma tra i propri componenti, hanno conosciuto in questi anni un livello di gradimento sempre maggiore da parte dei consumatori. Tali e tanti sono infatti i vantaggi di questo tipo di materiale, da aver portato sia i produttori ad impiegarlo in maniera sempre più allargata, sia i consumatori a sceglierlo come uno dei primi elementi di riferimento per l’acquisto di un nuovo materasso. I rivenditori sono esattamente nel mezzo di questa evoluzione del mercato, e si trovano a trattare questa materia quotidianamente. Vale quindi la pena riaffrontarla per fissare alcuni punti fermi, aggiornati alle evoluzioni più recenti.

Diciamo subito intanto che i materassi in schiuma possono essere realizzati in lattice o in poliuretano. Sono materiali diversi ma hanno in comune la caratteristica di prestarsi molto bene sia come elementi di sostegno sia come elementi di comfort. La schiuma di lattice può essere di origine naturale, ottenuta dalla secrezione della pianta tropicale Helvea Brasiliensis, oppure di origine sintetica, ottenuta riproducendone la molecola in laboratorio. Il poliuretano invece è un materiale sintetico, frutto delle ricerche del Dr. Bayer e brevettato nel 1937. E’ un materiale traspirante, flessibile, resistente, sicuro per la salute dell’uomo e la salvaguardia dell’ambiente.
                                                                                  

                                                                            

                                 
La ricerca tecnologica ha consentito oggi di raggiungere risultati notevolissimi, tanto che sono ormai disponibili schiume di poliuretano prive di sostanze nocive ed estremamente versatili per forma, consistenza e struttura a cellule più o meno aperte, adattabili ad ogni genere di necessità e capaci di un ampio spettro di prestazioni. Le proprietà specifiche della schiuma di poliuretano per materassi sono essenzialmente tre:

1. la portanza, è cioè la capacità della schiuma di adattarsi, sostenere e distribuire il peso del corpo umano in modo da evitare la concentrazione di pressione in alcuni particolari punti di contatto;

2. la resilienza, è cioè il ritorno elastico della schiuma sottoposta a pressioni, che determina l’assenza di deformazioni permanenti anche dopo un uso prolungato;

3. la traspirabilità, che permette alla schiuma di disperdere facilmente il calore ed il vapore acqueo accumulati durante il sonno.

Tutti e tre questi fattori sono influenzati dalle dimensioni e dalla apertura delle celle che costituiscono la struttura della schiuma: maggiore è l’apertura della cella, più il materasso è elastico e più aria circola al suo interno. In particolare le schiume ad alta resilienza sono caratterizzate da una struttura costituita da cellule grandi e molto aperte e subiscono deformazioni molto ridotte anche dopo un utilizzo lungo e intenso. Le schiume poliuretaniche viscoelastiche invece sono a lento ritorno, hanno la particolarità di ammorbidirsi col calore del corpo umano e di modellarsi perfettamente seguendo la sua forma. Distribuiscono quindi in modo uniforme e su una grande superficie il peso corporeo riducendo i punti di concentrazione delle pressioni di contatto. L’adattamento più spinto alle forme del corpo umano è dato dal gel poliuretanico, molto elastico e piuttosto lento nell’assorbire la temperatura necessaria al mutamento della forma.

Le schiume di poliuretano sono presenti spesso nell’anima del materasso, e cioè la struttura di sostegno che regge il peso del corpo: le lastre di poliuretano possono essere lavorate con densità e forme differenti per differenziare le zone di portanza e adattarsi alle singole necessità. Oppure possono essere posizionate negli strati interni del materasso, tra le imbottiture (lana, cotone, lino, tecnofibre) e gli strati coibentati (feltro, crine, tessuti tecnici), con la funzione di distribuire le sollecitazioni prodotte dal corpo in movimento.

Le tendenze attuali suggeriscono una sempre maggiore integrazione tra i diversi tipi di materiali, schiuma di lattice o di poliuretano, molle e molle insacchettate, ecc., con l’intento di sfruttare il meglio di ciascun componente e ottimizzare così il livello di benessere e comfort durante il sonno.

Le offerte del mercato sono però numerose e non è semplice districarsi tra le diverse opzioni. Il criterio da adottare è sempre quello della scelta di qualità, cosa non facile per il consumatore perché può essere facilmente tratto in inganno da presentazioni anche affascinanti, come per esempio la differenziazione cromatica dei diversi strati e tipologie di poliuretano, ma che nulla hanno a chefare con la dimostrazione di qualità. 

Meglio affidarsi dunque alla certificazione di prodotto che possa tutelare al meglio sia chi acquista, sia chi consiglia il materasso ritenuto più idoneo.

--> Per saperne di più scarica la guida" I 10 segreti dei materassi in schiuma

--> Leggi anche "Il Marchio Collettivo di Qualità"

 

 

 

Potrebbe interessarti anche...
cerca
Cerca tra gli approfondimenti
le guide
Le guide Scarica le guide per migliorare la qualità del tuo riposo
Rivenditori
SCOPRI DOVE ACQUISTARE I MATERASSI CERTIFICATI Cerca rivenditore
newsletter Vuoi ricevere consigli su come dormire in modo confortevole?
Dichiaro di aver letto l'informativa qui allegata e di accettare il trattamento dei miei dati personali per le sole finalità indicate.

Contattaci per Informazioni

promo guide