Rivenditori Rivenditori

Consigli per evitare colpi di sonno al volante

20.09.2015
dettaglio notizia

I consigli del Consorzio per evitare colpi di sonno alla guida e viaggiare in piena sicurezza.

Il 20% degli incidenti stradali in un anno è causato da colpi di sonno. Ecco i consigli del Consorzio Produttori Italiani Materassi di Qualità per prepararsi al meglio prima di un lungo viaggio e partire in tutta sicurezza.

A tutti è capitato di passare una notte insonne e di toccarne con mano le conseguenze: difficoltà di concentrazione, cefalea, irritabilità, sonnolenza ed improvvisi assopimenti, i cosiddetti colpi di sonno. Quelli alla guida sono alla base del 20% degli incidenti stradali che si registrano in un anno, con conseguenze spesso disastrose.
Dormire poco e male non determina solo colpi di sonno, ma anche una riduzione di prontezza dei riflessi e delle funzioni cognitive, come per esempio la valutazione delle distanze, elemento fondamentale per la sicurezza propria e degli altri automobilisti.

I rischi correlati alla sonnolenza crescono con l'aumentare delle ore passate al volante senza pausa; sono quindi particolarmente coinvolti gli autisti professionali e chi percorre lunghi tragitti, soprattutto prima dell'alba, durante la notte o nell'immediato dopopranzo. Ma ognuno di noi deve prestare la massima attenzione.


La prevenzione è fondamentale

 

“Il rimedio migliore contro la sonnolenza alla guida è la prevenzione. Questo significa avere una corretta igiene del sonno, garantendosi una giusta quantità di riposo notturno e assecondando il proprio orario di propensione al sonno – conferma il Dr. Andrea Melpignano, specializzando in Neurologia del Centro di Medicina del Sonno di Parma e collaboratore del Consorzio - Proprio a seconda degli orari in cui si sentono più predisposte al sonno, le persone possono essere distinte in due gruppi: allodole e gufi. Le allodole sono gli individui mattinieri, lucidi nelle prime ore della giornata ma che devono coricarsi presto alla sera. I gufi sono le persone che tendono ad alzarsi tardi al mattino e ad essere più attivi nel pomeriggio e alla sera. Ecco perché un gufo dovrebbe evitare di partire la mattina presto, mentre questo è consigliabile per un’allodola”.

 

Riconoscere i sintomi di allarme e porvi rimedio

 

Potrebbe apparire scontato, ma non lo è: non sempre ci si rende conto di essere sul punto di addormentarsi.

I tipici sintomi sentinella del colpo di sonno sono:

  • sensazione di pesantezza alle palpebre o bruciore oculare
  • ripetuti sbadigli
  • irrequietezza con tendenza a toccarsi il volto o a cambiare posizione sul sedile
  • progressiva difficoltà a mantenere una traiettoria lineare
  • inconsapevolezza della velocità
  • difficoltà nel ricordare gli ultimi tratti percorsi


In caso di sonnolenza alla guida si raccomanda di fermarsi e provare a dormire. Spesso è sufficiente un sonnellino di 20 minuti per far svanire il sonno.
È inoltre importante evitare di mangiare troppo e preferire pasti leggeri e con alimenti facilmente digeribili prima di mettersi alla guida. Non bere alcolici e fare soste frequenti, anche solo per un caffè.

 

Le regole base di igiene del sonno per dormire bene ed essere in piena forma:

  • La stanza in cui si dorme deve essere confortevole e adatta al sonno: sufficientemente buia, silenziosa, con una temperatura ottimale, non troppo secca né troppo umida. Il materasso deve essere adatto alle esigenze di ognuno: deve sorreggere correttamente la colonna vertebrale per favorire il completo rilassamento del corpo. Un materasso inadeguato costringe ad una continua ricerca della posizione più comoda con la conseguenza di frequenti micro risvegli.
  • Non prendere tè, caffè, cioccolata e altre sostanze contenenti caffeina nelle sei ore antecedenti il sonno.
  • Evitare anche la nicotina, è uno stimolante come la caffeina.
  • L’alcool rende più semplice addormentarsi, ma aumenta il numero dei risvegli notturni.
  • Gli esercizi fisici sono positivi per il sonno, purché non vengano eseguiti troppo vicini all'ora di dormire.
  • Evitare di leggere e guardare la tv a letto.
  • Cercare di coricarsi e alzarsi ogni giorno circa alla stessa ora, anche in vacanza.
  • Mangiare ad orari regolari, evitando pasti abbondanti in prossimità del sonno.
  • Un eventuale sonnellino pomeridiano non deve protrarsi oltre i 15 – 20 minuti, per conservare il sonno per la notte. Evitare sonnellini dopo cena, magari sul divano, nella fascia oraria prima di coricarsi.
Potrebbe interessarti anche...
Ufficio stampa

Sabrina Brenna
press.italia@consorziomaterassi.it

Accredito Stampa

Vuoi ricevere in anteprima tutti i comunicati stampa?

ISCRIVITI ORA
le guide
Le guide Registrati e scarica le nostre guide ufficiali
Rivenditori
CERCA IL RIVENDITORE PIÙ VICINO A TE Registrati
newsletter Vuoi ricevere tutte le news sui materassi del Consorzio?
Dichiaro di aver letto l'informativa qui allegata e di accettare il trattamento dei miei dati personali per le sole finalità indicate.

Contattaci per Informazioni