Rivenditori Rivenditori

Il materasso antidecubito: come è fatto e come detrarre il costo

dettaglio notizia

La Direttiva Europea 92/42/CEE sui Dispositivi Medici

A parte le abituali richieste di elevato comfort che normalmente l’acquirente antepone quando acquista un materasso, maggiori attenzioni vengono riservate ai materassi antidecubito, quelli classificati come Dispositivo Medico di Classe 1 in conformità agli standard richiesti dalla Direttiva Europea 93/42/CEE.

 

Ma che cos’è esattamente un materasso antidecubito?

Il materasso antidecubito è essenzialmente un materasso adatto ad un uso terapeutico, in grado quindi di ottimizzare le pressioni di appoggio e per questo capace di ridurre i rischi di occlusione capillare nei soggetti a mobilità ridotta o addirittura allettati, costretti cioè a letto da una malattia o anche semplicemente da una infermità di lunga durata, anche se non definitiva.

Detto in parole più semplici, lo scopo è quello di evitare il formarsi delle cosiddette piaghe da decubito, molto frequenti nei pazienti costretti ad una lunga permanenza a letto, spesso anche in una posizione obbligata. Tali lesioni sono provocate dalla pressione del corpo sul materasso: i punti più sensibili e quindi più esposti a questo rischio sono le zone del corpo in cui prevalgono le ossa sporgenti, poco protette cioè da tessuto adiposo o muscolare in grado di assorbire e distribuire la pressione di contatto: scapole, gomiti, osso sacro, talloni, caviglie, ginocchio, femore e spalla. In queste zone la pressione del corpo si concentra in un punto preciso di contatto, e causa un insufficiente afflusso di sangue alla pelle.

Si determina quindi una ischemia superficiale, simile a quella che si ha premendo con forza un polpastrello contro un vetro: in questo esempio si può facilmente notare che la mancanza del giusto afflusso di sangue provoca l’immediato biancore della pelle. L’ischemia causa la morte delle cellule della pelle e quindi la sua ulcerazione.                                             

Il materasso antidecubito è progettato e realizzato con particolari tecnologie, che garantiscono l’ottimizzazione delle pressioni di appoggio e limitano quindi i rischi di occlusione capillare prolungata in soggetti a mobilità ridotta. Il materasso antidecubito deve essere utilizzato di norma per una durata continua inferiore ai 30 giorni e si tratta comunque di un Dispositivo non invasivo per il corpo umano.

Per rilevare le pressioni di appoggio vengono utilizzati sistemi che impiegano: una matrice flessibile (tappetino) dotata di sensori (celle di carico) per la rilevazione delle pressioni, un hardware per l’acquisizione dei dati e un software dedicato all’analisi ed elaborazione dei valori rilevati. Il tappetino è sottile ed estremamente sensibile così da non alterare le caratteristiche della superficie superiore del materasso e adattarsi perfettamente alla conformazione corporea della persona. Il sistema permette di visualizzare, attraverso uno spettro di colori di gradazione cromatica diversa, i picchi di pressione e la variazione della pressione in base alle posizioni assunte dal corpo umano durante il sonno.

La valutazione delle proprietà antidecubito dei materassi avviene confrontando i valori pressori fatti registrare da un campione di possibili utenti, aventi diversa corporatura, con la pressione di occlusione capillare (POC, pari a 0,4256 N/cm2). Dal momento che le pressioni medie esercitate dagli utenti sono in genere inferiori alla soglia, mentre i picchi di pressione (associati alle protuberanze ossee) tendono ad essere superiori, risulta necessario individuare un parametro in grado di differenziare tra loro i materassi.

ErgoCert-Ergonomics Certifying Institute di Udine ha sviluppato ed applicato su oltre 500 materassi una metodologia che consente di calcolare la % di superficie attivata con pressioni che eccedono la POC. In altri termini, non essendo possibile una totale assenza di rischio decubito, è possibile valutare, tanto in posizione supina quanto in posizione laterale, l’ampiezza dell’area a rischio decubito intorno alle protuberanze ossee, che risulterà minimizzata nei materassi antidecubito. Tali considerazioni sono valide per gli utenti che hanno la possibilità di modificare la propria posizione di sonno, alternando le parti del corpo in contatto con il materasso. Pazienti allettati con ridotta mobilità residua, invece, necessitano di materassi differenti (dinamici) e sono sottoposti a protocolli di rotazione da parte del personale sanitario.

 

 

La spesa per l’acquisto di un materasso antidecubito è detraibile, purché il manufatto soddisfi tutte le disposizioni applicabili previste dal D. Lgs n.46 del 24/02/97 in attuazione alla Direttiva 93/42/CEE sui Dispositivi Medici e dal D. Lgs n.37 del 25/01/10 in attuazione alla Direttiva 2007/47/CEE e appartenga alla classe di rischio 1.

Con Risoluzione 26 gennaio 2007, n.11, L'Agenzia delle Entrate ha chiarito che i costi sostenuti per l'acquisto di un materasso sanitario sono detraibili a condizione che il materasso abbia caratteristiche tali da essere ricompreso nell'elenco di cui al D.M. 27 agosto 1999, n.332 e sia pertanto "antidecubito".

Il Contribuente, occorrerà naturalmente che possa documentarne l’acquisto con il relativo scontrino fiscale o con la fattura per l’importo pagato.

 

Potrebbe interessarti anche...
newsletter Vuoi ricevere tutte le news sui materassi del Consorzio?
Dichiaro di aver letto l'informativa qui allegata e di accettare il trattamento dei miei dati personali per le sole finalità indicate.

Contattaci per Informazioni