Cerca rivenditore Rivenditori

Come scegliere il materasso: i consigli dei nostri esperti

Per orientarsi tra le molte offerte di mercato bastano poche regole di base che mettono al riparo da un acquisto non ponderato.

La scelta del materasso lascia sempre una sensazione di impreparazione perché quando arriva l’ora di sostituire quello vecchio, mille dubbi ci assalgono. E ora che faccio? Quale scelgo, tra i tanti possibili? Come faccio a sapere quale sarà quello giusto? 

Presa la decisione, la prima regola, non acquistare a scatola chiusa. Ci sono diverse tipologie in commercio, quindi è meglio informarsi sulle caratteristiche di ciascuna e capire qual è quella più adatta.

Anzitutto è importante sapere che il materasso giusto è quello offre:

  • un buon sostegno, con un cedimento contenuto sotto il peso del corpo (affondamento);
  • una buona distribuzione del peso del corpo (accoglimento);
  • una adeguata risposta elastica per compensare le sollecitazioni esercitate dal peso del corpo.

Per un sistema letto matrimoniale, la scelta se preferire un materasso intero oppure due singoli accostati è davvero personale e dettata dalle esigenze di ciascuno. Il materasso matrimoniale offre un piano omogeneo e alloggia meglio sulla rete. Date le sue dimensioni occorrono due persone per la movimentazione nelle fasi di pulizia e igiene. I materassi singoli sono consigliati quando il letto è composto da due reti accostate con il movimento elettrico alza-testa e alza-piedi. In questo caso “l’indipendenza” del materasso permette al dormiente di assumere la posizione preferita in tutta libertà.

Come scegliere il materasso giusto: la tipologia 

  • Il materasso a molle
    Perfetto per chi ha una corporatura robusta o per chi predilige una portanza sostenuta. Può essere a molle tradizionali o insacchettate e indipendenti. Le molle tradizionali costituiscono un’unica ampia zona d’appoggio, mentre le molle indipendenti consentono una distribuzione del peso equilibrata per zona, senza generare punti di pressione particolari. In generale questi materassi sono molto adatti a climi caldi, perché consentono una migliore ventilazione interna.

          

          Antares_Materasso a molle tradizionali

  • Il materasso in lattice
    Può essere in lattice naturale, molto elastico, o di sintesi, meno elastico ma più stabile. In genere è strutturato a zone di portanza differenziata, in modo da offrire un sostegno diverso alle varie parti del corpo: testa, spalle, schiena, bacino, gambe, piedi. E’ anallergico perché contrasta la formazione di acari, in abbinamento a imbottiture e tessuti appropriati. Il materasso in lattice favorisce la traspirazione corporea. Dal momento che è avvolgente e "rispetta" le forme del corpo, per alcuni soggetti può essere causa di disagio con conseguente sensazione di "maggior sudorazione" durante il riposo notturno.

         

        Biotherm_Materasso in schiuma di lattice 100%

  • Il materasso in poliuretano
    La schiuma di poliuretano è un materiale di sintesi che nella sua composizione può contenere acqua ed elementi di origine vegetale. Aiuta a contrastare la colonizzazione di acari, soprattutto in abbinamento a imbottiture e tessuti appropriati. La tipologia con “la schiuma a lenta memoria” (memory foam) si automodella sulle forme del corpo, senza generare punti di pressione focale, facilitando il rilassamento muscolare. Il materasso in poliuretano non è nocivo per la salute perché non contiene sostanze dannose per l'uomo e l'ambiente ed è prodotto nel rispetto della normativa vigente.

       

        Aquasan_Materasso in schiuma di poliuretano

  • Il materasso ibrido
    Sono materassi che non sono compresi negli schemi tradizionali perché sono ottenuti dalle combinazioni di differenti materiali dalle spiccate peculiarità. Gli abbinamenti sono pensati proprio per ottimizzare le specificità tecniche offerte dai singoli componenti.

        

        Adhara_Materasso Ibrido

 

Altri criteri da considerare quando si sceglie il materasso.

Le dimensioni del materasso devono essere idonee alla rete a cui è destinato. Per un buon alloggiamento il materasso non deve avere dimensioni superiori o inferiori alla rete. Per un adeguato sostegno alla schiena lo spessore del materasso non deve essere inferiore ai 18/20 cm.

E poi è importante assicurarsi che sia ben realizzato e confezionato con un buon tessuto che faciliti la traspirazione corporea e sia resistente alle sollecitazioni date dall’utilizzo.

Infine, da controllare che il manufatto sia fabbricato da un’azienda di comprovata esperienza e, importantissimo, che sia corredato di scheda prodotto come prevede il Decreto Legge 206 – Codice del Consumo.

Quanto occorre spendere?
Meglio non fidarsi delle offerte stracciate e dei prezzi ridotti all’osso. Un buon materasso non può costare un’inezia, ma non è nemmeno necessario spendere una fortuna.

Il Consorzio mette oggi a disposizioni un nuovo sistema di valutazione, la Qualità Stellata che consente, grazie al numero di stelle attribuito a ciascun materasso, di valutare nella maniera più corretta il rapporto tra la qualità e valore del prodotto.

 

 

Conosciamoci meglio

Mettiti in contatto con IL CONSORZIO, un nostro consulente risponderà alle tue richieste!

Dichiaro di aver letto l'informativa qui allegata e di accettare il trattamento dei miei dati personali per le sole finalità indicate.

Consento all'invio di materiale commerciale e dichiaro di aver letto l'informativa qui allegata e di accettare il trattamento dei miei dati personali per le sole finalità indicate.

newsletter Vuoi ricevere consigli su come dormire in modo confortevole?
Dichiaro di aver letto l'informativa qui allegata e di accettare il trattamento dei miei dati personali per le sole finalità indicate.

Contattaci per Informazioni

promo guide