Rivenditori Rivenditori

La coppia e il letto matrimoniale

15.07.2019 Sonno e benessere
dettaglio notizia

La serenità del sonno a due

Le preferenze individuali non sono assolutamente generalizzabili ed è necessario soddisfarle per aiutare il corpo a distendersi e la mente a rilassarsi. Per la serenità del sonno a due, la coppia quali indicazioni deve seguire? Lo abbiamo chiesto alla Dottoressa Antonella Tusa, esperta in terapia di coppia e sessuologa.

Il giorno prima delle mie nozze, in gran segreto, mia madre e altre due streghe sono andate a preparare il nostro letto matrimoniale; seguendo un antico rituale femminino, inconoscibile ai più, hanno scelto le lenzuola più belle, quelle ricamate e mano dall'onnipresente madre e, dopo averle lavate e stirate  liberandole da ogni piega, le hanno stese sul letto tirandole così tanto da sembrare dipinti ad olio su materasso. Una volta sistemati i guanciali con precisione millimetrica, hanno aggiunto un bel copriletto bianco trapuntato con delicati fiori rosa, guarnito dell'immancabile volant che aggiunge un tocco di classe al talamo nuziale. Data un'ultima sistemata agli scendiletto, anch'essi rosafioriti, hanno accostato le gelosie e chiuso la porta a chiave, terminando così il loro mistico cerimoniale.

Almeno credo…. se fecero altre magherie, non lo rivelarono mai.

Cosa è successo negli anni in quel letto? E nei milioni di altri letti? E’ servito il rituale propiziatorio operato dalle fattucchiere?

Ogni sera nelle case si sente un: “beh dai sono stanco... vado a coricarmi”

Vado a letto....

ma in che letto vado? 

 

Quanti letti può contenere una sola casa?

C'è il letto dell'incontro, dell'intimità che induce a cercare il contatto epidermico e il calore, una fonte di affettuosità e sessualità, del dormire attaccati all'altro, del rabbrividire per i piedi gelati appoggiati alle gambe, dello svegliarsi con la gioia di guardare i capelli scompigliati del partner, del sentire il suo russare o i borbottii di un brutto sogno.

Dormire in due nello stesso letto è una dimostrazione di fiducia poiché nel sonno vi è un abbandono totale, si lascia la coscienza e ci si rifugia in un'altra dimensione, restando in balia dell'altro e del mondo. 

 

Oppure vado nel mio letto e ci vediamo domattina? Vado via da te, dal noi?

È essenziale per la coppia mantenere delle aree private, individuali, uno spazio mio e uno tuo che vanno protetti e preservati e poi c’è uno spazio nostro di cui entrambi avremo estrema cura, bisogna deporre le armi prima d'accedervi, come si fa nei luoghi sacri. E' un affare importante coricarsi con l'altro, bisogna desiderarlo e preparalo ogni volta, altrimenti si corre il rischio che la noia della quotidianità trionfi e la camera diventi così un luogo qualunque, un altro locale come il salotto di casa. 

Un saggio amico mi disse una volta che non si va mai dormire “litigati”, credo abbia ragione, solitamente si litiga in cucina, in ascensore in automobile, difficilmente l’alcova si trasforma in un ring, ma sicuramente è il luogo in cui si avvertono i primi scricchiolii della relazione

L’insorgere dei dissidi tra i partner ha spesso ricadute sull’affettività e la sessualità, dormire vicini diventa spiacevole e, prima che diventi insopportabile, bisogna correre ai ripari, avere il coraggio di guardarsi in faccia e dirsi che qualcosa non sta funzionando.

 

Solo così si preserva la coppia, con l’attenzione, la cura, il rispetto e un pizzico di alchimia.

 

 

Dr.ssa Antonella Tusa
Psicologa – Psicoterapeuta - Sessuologa
Specialista in Terapia Famigliare
Azienda Ospedaliera Desio – Vimercate (MB)

 

Potrebbe interessarti anche...
newsletter Vuoi ricevere consigli su come dormire in modo confortevole?
Dichiaro di aver letto l'informativa qui allegata e di accettare il trattamento dei miei dati personali per le sole finalità indicate.

Contattaci per Informazioni