Rivenditori Rivenditori

Consigli pratici per chi soffre di allergia ai pollini e alla polvere domestica

20.06.2012 Sonno e benessere
dettaglio notizia

Con la primavera chi soffre di allergie stagionali come i pollini delle piante, deve prestare particolare attenzione per evitare che la sintomatologia peggiori.

Con la primavera chi soffre di allergie stagionali come i pollini delle piante, deve prestare particolare attenzione per evitare che la sintomatologia (rinite e asma) peggiori con inevitabili ripercussioni sulla salute e sulla qualità della vita diurna e notturna. Per coloro invece che soffrono di allergia perenne (acari della polvere) le indicazioni fornite dal medico curante vanno seguite con scrupolo tutto l’anno.

Lo specialista ci ricorda quali sono i consigli pratici da osservare nel vademecum che segue.

 

Per i pazienti allergici ai pollini:

  • farsi spiegare dal medico il calendario pollinico, ovvero la presenza per zone geografiche di alte concentrazioni di polline in determinati periodi dell'anno; chi e' allergico ai pollini degli alberi (betulle e cipressi) deve prestare attenzione nei primi mesi dell'anno, evitando i boschi e le zone alberate;
  • chi e' allergico alle graminacee eviti gli spazi extraurbani da fine aprile a giugno. Chi e' allergico alla parietaria deve stare all'erta nella tarda estate;
  • nei giorni di sole con clima asciutto e ventoso evitare le gite all'aperto nelle ore centrali del giorno perché è il momento in cui c’è la maggiore concentrazione di polline;
  • dopo la pioggia alcuni pazienti stanno meglio. Per altri invece la rottura dei granuli pollinici causata dall'umidita' puo' provocare un peggioramento dei disturbi;
  • limitare le attività' all'aperto durante la stagione pollinica. Durante il taglio del fieno non sostare nelle immediate vicinanze;
  • tenere chiuse le finestre durante le ore centrali del giorno. Aprirle di primo mattino o nelle tarde ore notturne;
  • in automobile tenere chiusi i finestrini;
  • in casa evitare l'uso di ventilatori che possono disperdere in aria i pollini depositati sul pavimento.

 

Per i pazienti allergici agli acari nota come “allergia alla polvere domestica”:

  • dormire in camere da letto asciutte e prive di muffa;
  • per la pulizia degli ambienti usare spesso l’aspirapolvere dotato di filtri specifici in grado di trattenere particelle più fini(fino a 10 micron);
  • il letto deve avere una struttura semplice senza cassetti o scomparti non ripulibili fonte di ricettacoli di polvere;
  • coperte e materassi vanno spesso arieggiati;
  • usare per i materassi ed i cuscini coperture impermeabili agli allergeni ed alla forfora. Le coperture (coprimaterasso e federa per il cuscino) vanno lavate almeno una volta ogni tre settimane;
  • evitare assolutamente materiali in piuma anche per chi è allergico alla forfora e ai peli di animali in genere. La piuma potenzialmente può trattenere polvere;
  • l'aspirapolvere deve essere di ottima qualita' e possedere un filtro in uscita con effetto filtrante, battericida e antimiceti, grazie alla particolare composizione dei materiali con i quali è fatto. Sono filtri piuttosto costosi prodotti da aziende specializzate. I filtri vanno sostituiti ogni sei mesi;
  • l'uso di Acaricidi e' sicuramente utile, ma l'abuso e' dannoso;
  • è sconsigliata la coabitazione con gli animali domestici;
  • evitare spray profumati;
  • evitare fumi di caminetto. L’allergico è potenzialmente un soggetto “delicato”. Stimoli aspecifici come profumi, deodoranti e lacche spray per capelli, possono far precipitare situazioni latenti anche in assenza dell’allergene specifico. Le evidenze scientifiche sconsigliano l’utilizzo del pellet per i caminetti perché si tratta di un combustibile che peggiora i sintomi respiratori (biomasse);
  • l'arredo della camera da letto e della casa in genere deve essere semplice e facilmente pulibile: pochi mobili, evitare i tendaggi ingombranti, evitare i tappeti, la moquette, gli scaffali polverosi con troppi libri e i peluche;
  • pulire il pavimento con panno inumidito;
  • evitare la moquette in casa ed in particolare in camera da letto.

 

 

Dott. Giulio Brivio
Medico Chirurgo
Specialista in allergologia, immunologia e fisiopatologia respiratoria

Potrebbe interessarti anche...
newsletter Vuoi ricevere consigli su come dormire in modo confortevole?
Dichiaro di aver letto l'informativa qui allegata e di accettare il trattamento dei miei dati personali per le sole finalità indicate.

Contattaci per Informazioni