Rivenditori Rivenditori

Dormire in sicurezza

10.07.2017 Dormire bene
dettaglio notizia

Non vogliamo allarmarvi, ma semplicemente illustrare le tematiche principali della questione ed evidenziare alcuni semplici accorgimenti per rendere le vostre notti più sicure oltre che più riposanti.

Parliamo quindi di esposizione a sostanze chimiche volatili negli ambienti chiusi, di elettrosmog, dei rischi legati alle cimici; insomma di temi che possono non riguardarci se non in misura eventuale o marginale, ma che è bene conoscere e non sottovalutare mai.

 

In ambienti confinati, e quindi anche in camera da letto, possiamo essere esposti a sostanze chimiche volatili (in italiano COV: Composti Organici Volatili - in inglese VOCs: Volatile Organic Compounds) emessi in forma gassosa da prodotti solidi o liquidi; quindi anche da libri, giocattoli, peluche, stampanti, computer, moquette, tendaggi, imbottiture e tappezzerie. Alcuni possono avere effetti negativi sulla salute.

 

Il rischio deriva, più che dalla concentrazione degli inquinanti che in genere è molto bassa, dalla prolungata esposizione ad essi. L’esposizione prolungata ai COV ad alte concentrazioni può dare irritazione agli occhi, al naso e alla gola, mal di testa, nausea e stanchezza. Una sana aerazione delle diverse camere di abitazioni e uffici riduce, se non elimina del tutto, i rischi legati a queste sostanze.

 

Anche l’elettrosmog e i campi elettromagnetici emessi dagli elettrodomestici possono avere effetti nocivi sulla nostra salute. I materassi non ne sono coinvolti ma è bene considerare alcune precauzioni per limitare il rischio di esposizione ai campi elettromagnetici in camera da letto, come per esempio evitare di dormire con cellulare, tablet e lettore mp3 appoggiati sul comodino, quindi vicino alla testa, per tutta la notte o tenere il modem wi-fi acceso in camera da letto.

 

Non dimentichiamo che anche in vacanza è bene stare attenti a dove dormiamo. Infatti i materassi per uso pubblico (strutture alberghiere o comunità ricettive) devono rispettare la Regola Tecnica del Decreto Ministeriale 9 aprile 1994, modificato ed integrato dal Decreto Ministeriale 6 ottobre 2003 e devono inoltre essere conformi al certificato rilasciato dal Ministero dell'Interno, che ne attesta le proprietà ignifughe secondo il metodo di prova di Classe 1IM. Regola emanata allo scopo di tutelare l'incolumità delle persone e salvaguardare i beni contro i rischi dell'incendio. Scopri qui maggiori dettagli.

 

È utile poi avere indicazioni per progettare o adattare al meglio la propria camera da letto o quella dei ragazzi. Leggi qui per avere spunti e curiosità.

Potrebbe interessarti anche...
newsletter Vuoi ricevere consigli su come dormire in modo confortevole?
Dichiaro di aver letto l'informativa qui allegata e di accettare il trattamento dei miei dati personali per le sole finalità indicate.

Contattaci per Informazioni