Rivenditori Rivenditori

Quest'anno ti regaliamo la poesia del dolce riposo.

11.12.2017 Dormire bene
dettaglio notizia

In un letto si fanno progetti, si ama, si sogna, ci si rigenera.
E si aspetta il Natale.

Puntualmente come ogni anno è arrivato il momento di farsi la fatidica domanda: posso regalare per Natale un materasso? 

 

Difficile nella società del benessere generalizzato, anche se troppo spesso inconsapevole, intercettare i bisogni reali di chi ci sta attorno e tenerne conto per decidere il regalo giusto. Si può cominciare allora dai bisogni primari, a volte i più trascurati. Tra questi, naturalmente, il sonno. Iniziando col chiedere, e magari anche chiedersi, se il sonno notturno è davvero ristoratore oppure se al mattino, al momento di alzarsi, dolori e sensazioni di stanchezza prendono il sopravvento. 

L’indolenzimento mattutino è il primo segnale che qualcosa non funziona nel sistema letto, e cioè in quel complesso di elementi che dovrebbero garantire la qualità del sonno. Evidentemente in quel caso l’armonia del sistema è compromessa dal malfunzionamento di una o più parti. 

E qui comincia l’inchiesta che ci consente di trovare la giusta soluzione per il fortunato destinatario del nostro regalo. 

Si comincia dal materasso, l’elemento più importante e delicato.

Quanti anni ha? Ha subito particolari stress? O forse non è più adeguato? Nel tempo anche la morfologia e il peso del corpo umano cambiano e passare ad un materasso nuovo e più indicato può rivelarsi determinante per un migliore comfort.

 

Obiettivo raggiungibile e migliorabile ulteriormente anche con un topper di lana morbida o antiallergico, che accoglie piacevolmente il corpo disteso e aiuta a rilassarlo. Ma tutto questo non basta se la rete di supporto è stanca e sfibrata: la sua mancanza di elasticità deforma il materasso e ne annulla i pregi. E il cuscino? Così semplice ma così importante. Se è troppo morbido, o troppo alto, o troppo basso la zona cervicale manifesta tutto il suo malessere con una insistenza invincibile. Porvi rimedio diventa allora la priorità assoluta.

Ora che l’inchiesta è completata non resta che l’imbarazzo della scelta: il sistema letto va preso nel suo complesso e reso armonico, ma può essere migliorato anche intervenendo singolarmente su ciascun elemento, in base alla necessità e all’urgenza. L’importante è farlo. 

Il Natale può essere l’occasione giusta per recarsi in un buon negozio e regalare o regalarsi un bel primo passo verso il miglioramento della qualità del sonno, cioè della vita. E credeteci, non c’è niente di più poetico.

 
Potrebbe interessarti anche...
newsletter Vuoi ricevere consigli su come dormire in modo confortevole?
Dichiaro di aver letto l'informativa qui allegata e di accettare il trattamento dei miei dati personali per le sole finalità indicate.

Contattaci per Informazioni